In autunno aprirà a Budapest il Párisi Udvar Hotel

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 143
Stampa questa pagina
20
Dicembre

In autunno aprirà a Budapest il Párisi Udvar Hotel

Scritto da 
Pubblicato in Turismo

Ritardata di 5 mesi l’inaugurazione del Párisi Udvar Hotel in Ferenciek tere, nel V distretto di Budapest.

Secondo il direttore dell’albergo Tamás Fazekas il ritardo è dovuto all’inattesa necessità di sostituire un soffitto da 1400 metri quadrati, che comporta anche costi aggiuntivi pari a 700 milioni di fiorini. La struttura sita all’interno della storica galleria “Párizsi” (significa Parigi) nel centro di Pest aprirà dunque nell’autunno del 2018, sempre sotto la gestione di Mellow Mood come annunciato in precedenza. Il cinque stelle fa parte della “The unbound collection by Hyatt”, il secondo in Europa dopo il parigino Hotel Louvre.
L'immobile
La “Brudern-ház”, noto anche come Párizsi (“Párisi” nell’ungherese del secolo scorso) è uno dei più eleganti edifici Art Deco di nella capitale, costruito all’inizio del Novecento unendo un misto di stili architettonici che vanno dal gotico veneziano al moresco passando per il già citato Deco. Un palazzo di importanza storica, situato che Ferenciek Teré, vicino al ponte Elisabetta, piazza che nel XIX secolo era tra le più trafficate di Pest. Nel 1817 i fratelli József scelsero questo sito per avviare la loro attività di commercianti, realizzandovi una galleria commerciale di notevole modernità per l'epoca. Il progetto porta la firma dell'architetto Pollack Mihály e prese il nome di “Brudern-Ház”, casa dei fratelli. Sembra invece che il nome di Párizsi Udvár si debba invece alla sua galleria a vetrata, che infatti si ispira al Passage des Panoramas di Parigi. Il palazzo attuale, sopravvissuto alla seconda guerra mondiale, fu costruito tra il 1909 e il 1913 su progetto commissionato dalla Belváros Bank (la banca del Quinto distretto, che lo  scelse per il suo quartier generale) al tedesco Henrik Schmahl.  

Claudia Leporatti 

Redazione Economia.hu

Letto 1003 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da

Articoli correlati (da tag)